REGISTRATI   |  
   

RSS  


Regolamento per l’Esercizio di Attività Commerciali su Aree Pubbliche
Share |

Regolamento per l’Esercizio di Attività Commerciali su Aree Pubbliche

LL.RR.18/95 e 2/96

 

 

ART.1 “Norme Di Riferimento”

Ai fini del presente Regolamento, così come previsto dall’Art. 1 della L.R. 1/3/95 N.18, per commercio su aree pubbliche si intende la vendita di merci al dettaglio e la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande effettuate su aree pubbliche.

 

ART. 2 “Definizione”
Il presente Regolamento disciplina il commercio su aree pubbliche di cui all’art. 2 della L.R. 18/95 lettera A, B e C come di seguito specificate:

·        Lettera A : su aree date in concessione per un periodo di tempo pluriennale per essere utilizzate quotidianamente, per almeno 5 giorni la settimana escluso il venerdì.

·        Lettera B : su aree date in concessione per un periodo di tempo pluriennale per essere utilizzate solo in uno o più giorni la settimana, (escluso il venerdì), indicate dall’interessato.

·        Lettera C : su qualsiasi area purchè in forma itinerante.

 

 

ART. 3 “Individuazione delle Aree”

Alla individuazione delle aree, destinate all’attività commerciali e così come previste nel precedente Art. 2 lettera A e B, provvede il Consiglio Comunale su proposta del Sindaco o dell’Assessore al ramo  . Il Consiglio Comunale stabilisce, inoltre, i prodotti che possono essere venduti nelle aree in relazione ai raggruppamenti omogenei previsti dalla L.R. 22/12/99 N.28 (settore alimentare e settore non alimentare). Le aree di cui al presente articolo possono essere divise “in posteggi” e dovranno essere identificate con apposita segnaletica. La vendita può essere esercitata nelle fascie orarie stabilite nel successivo art. 5.

 

ART. 4 “Oneri a carico del concessionario”

L’esercente concessionario di posteggio per esercitarvi attività, sia di tipo A che di tipo B è tenuto al pagamento della Tassa occupazione suolo pubblico, tassa Raccolta rifiuti solidi urbani e della sovratassa prevista per i concessionari di posteggi del cosiddetto “mercatino settimanale”, istituito con Delibera N° 28 del 14/11/01.

Le somme incassate per la sovratassa vengono vincolate e destinate all’acquisizione di beni e di servizi necessari all’area interessata.

 

ART. 5 “Commercio in forma Itinerante”

L’esercizio dell’attività commerciale itinerante, per gli esercenti non residenti nel Comune di San Cipirello, è subordinato al nulla osta rilasciato dal Sindaco o suo delegato, (Art 2 comma 8° L,R, 18/95).

Il predetto nulla osta può essere negato per i seguenti motivi:

1.      per esigenze di viabilità e su apposita proposta del comando di P.M.;

2.      per esigenze di carattere igienico sanitario;

3.      per disturbo alla quieta pubblica e altri motivi di pubblico interesse.

Inoltre, la predetta attività commerciale, è limitata, in ragione dei motivi su esposti, alle seguenti fasce orarie, tutti i giorni esclusi le domeniche e altri giorni festivi:

·        Per il periodo dal 01novembre al 31 Marzo dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00 .

·        Per il periodo dal 01 Aprile al 31 Ottobre dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00 .

Per la vendita dei suoi prodotti l’esercente potrà sostare per non più di un’ora e la distanza tra due soste consecutive non potrà essere inferiore a 30 metri. (Art. 7 comma 2° L.R. 2/96).

L’esercente che faccia uso  di mezzi di amplificazione sonora, sia che eserciti la propria attività in forma itinerante o su aree pubbliche di tipo A o B, è obbligato a contenere il livello della sonorità in maniera tale da non arrecare disturbo alla quiete pubblica. Qualora disattenda tale obbligo, oltre ad essere passibile delle sanzioni previste da specifiche norme di legge, sarà passibile della revoca del nulla osta o della revoca della concessione del posteggio.

Anche agli esercenti l’attività commerciale itinerante,residenti in questo Comune, sono applicati i divieti e le limitazioni previste nel presente articolo.

Tutti gli esercenti di attività commerciali itineranti, sono tenuti al pagamento di una tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani stabilite in misura forfetaria in € 150,00 annui per il commercio di generi alimentari e di € 75,00 per il commercio di altri generi.

Al fine del rispetto di quanto stabilito col presente articolo, il Sindaco emanerà specifica ordinanza che dovrà prevedere anche le sanzioni da irrogare nei casi di inottemperanza a quanto disposto, e in applicazione dell’Art. 20 della L.R. N.18/95,

Fermo restando il pagamento della tassa di cui sopra e del possesso dei requisiti di legge per esercitare l’attività, nel periodo antecedente alla data di esecutività del presente Regolamento, il Comune, per il tramite del corpo di P.M. e con altre forme pubblicitarie renderà note agli esercenti quanto previsto dal presente articolo.

In tale periodo non verranno applicate sanzioni, se non per violazioni di altre disposizioni di legge.

Agli esercenti itineranti residenti a San Cipirello, la tassa di cui al presente articolo, verrà applicata in misura tale da coprire la differenza tra gli importi previsti (€. 150,00 o €. 75,00)  e la tassa che già gli stessi pagano per i locali che risultano funzionali all’attività commerciale.

Il pagamento, della tassa sui locali funzionali all’attività commerciale, dovrà risultare da apposita dichiarazione del soggetto interessato e previa conferma dell’Ufficio Comunale incaricato della gestione della TARSU.

 

ART. 6 “ Istituzione di una Fiera-Mercato locale”

E’ istituita una “Fiera-Mercato locale” per l’esposizione e/o la vendita di prodotti agro alimentari e non, al fine di promuovere l’economia locale, le produzioni artigianali, agricole, artistiche del territorio.

Per tale Fiera sarà destinata, con Deliberazione Consiliare, una apposita area. Il Sindaco o suo Delegato stabilirà, di concerto con le organizzazioni locali di categoria, gli orari e i giorni di funzionamento della Fiera.

La Fiera potrà svolgersi anche per tutte le giornate festive dell’anno, è riservata prevalentemente ai produttori locali ma la esposizione e/o vendita può essere consentita anche a soggetti diversi qualora attenga a prodotti dell’ingegno, artistici, prodotti di antiquariato e similari, prodotti agrotecnici e agricoli trasformati, e prodotti artigianali. I soggetti che intendono partecipare a tale Fiera sono tenuti al pagamento di un contributo annuo forfettario e onnicomprensivo, di € 100,00. Tale contributo a titolo di rimborso parziale delle spese generali che il Comune sosterrà per la fiera”. 

 

ART. 7 “Rilascio delle autorizzazioni”
§  Per il rilascio delle autorizzazioni alla vendita su aree pubbliche di cui alle lettere A e B definiti all’art.1, si seguirà la procedura prevista dall’art. 5 della L.R. 18/95. Tale criterio verrà applicato anche per l’assegnazione dei posteggi per la Fiera di cui al presente art.6.
§  
In relazione al numero delle autorizzazioni per il commercio su aree pubbliche anche itinerante
 da rilasciarsi da questo Comune, lo stesso sarà definito successivamente ed in coerenza il piano delle attività commerciali di cui alla L.R. 28/99.

 

ART. 8 “Altre disposizioni”

Ai soggetti assegnatari di posteggio per il commercio su aree pubbliche, ivi compresi i titolari di posteggio del mercato settimanale di cui alla Delibera consiliare N° 28 del 14/11/01 qualora rinuncino al posteggio loro assegnato non sarà consentita, la presenza saltuaria nelle aree destinate all’attività. Tale divieto opererà per un periodo non superiore a mesi dodici decorrenti dalla data di rinuncia.

Tutti gli esercenti l’attività commerciale su aree pubbliche di tipo A,B e C, nonché coloro che usufruiranno  dei posteggi per la “Fiera” di cui all’art. 6 sono tenuti a conferire i rifiuti provenienti dalla loro attività in appositi contenitori che saranno loro indicati. Il conferimento dei rifiuti dovrà avvenire in forma differenziata, e a tal proposito l’Amministrazione provvederà a rifornire gli esercenti di appositi sacchetti. Con Ordinanza del Sindaco, verranno individuati i luoghi ove allocare i contenitori per il conferimento di tali rifiuti, e saranno stabilite le sanzioni per i trasgressori.

 

ART. 9 “ Produttori Agricoli” 

Le disposizioni di cui al presente Regolamento, per quanto compatibili alla specifica normativa, si applica anche ai produttori agricoli che in forma singola o associata vendono direttamente i loro prodotti in forma itinerante.

 

 

ART. 10 Norme di rinvio”

Per quanto non previsto dal presente Regolamento si applicano le norme previste dalle LL.RR. 18/95, 2/96, 28/99 e successive modifiche ed integrazioni. Tutte le procedure istruttorie ed operative per l’esecuzione del presente Regolamento sono demandate alla Competenza gestionale della struttura burocratica del Comune di riferimento, ovvero per quanto previsto dalla legge al Sindaco.


pubblicato in data: 23/03/2010 02:07:43    :2932


Comune di Sancipirello (PA) - Corso Trieste n. 30 - 90048 - Tel. 0918581000 - FAX 0918572305 Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione Gianni Messina